Mammillaria magnimamma: talea radicantissima

Mammillaria magnimamma è una pianta molto resistente ma, può capitare a tutti di ammalarsi.

Questo esemplare annoso e ben curato si è ammalato l’autunno scorso. Unico rimedio tagliare, anche se con gran dispiacere. Non conosco metodi più sicuri.

anche le piante ben curate possono ammalarsi

Occorre pulire benissimo la parte marcia, raschiare con un cucchiaio fino a trovare la polpa sana, Disinfettare il cucchiaio con alcool e raschiare ancora un po’. In questo caso si è scelto di tagliare di netto e ottenere così la pianta madre ancora sulle sue radici e una talea da ripiantare. A volte con le piante con diametro più grande si può pulire, scavando senza tagliare tutto il tronco, e lasciare il buco ad asciugare. Resterà una cicatrice, a memoria di uno scampato pericolo.

Questo ferocactus di quasi 50 centimetri di diametro ha questa cicatrice da circa 15 anni. Continua a crescere, fiorire e fruttificare.

si riparte!

Nel caso della Mammillaria magnimamma c’è  stato un periodo di stasi di mesi.   Tutto l’inverno e buona parte della primavera le due piante (sono due a tutti gli effetti dopo la recisione) sono rimaste asciutte a cicatrizzare. Poi,  in pochi giorni, la parte apicale ha cacciato dal nucleo un vero fascio di radici.

la parte con radice è ancora ferma ma sana e asciutta, sono certa che fra poco darà cenni di ripresa.

La base della pianta, risanata, in attesa di vegetare

 

ho preparato un vaso con la terra da cactus sistemata a piramide, su misura per l’incavo che si è formato nel corpo della pianta durante l’asciugatura.

terriccio modellato su misura per riempire l’incavo della talea

e ho appoggiato la talea sul terriccio, SENZA INTERRARLA, solo appoggiata.

eccola in piedi, sarà sorretta dai bastoncini per qualche settimana

Per tenerla in equilibrio finchè non si ancorerà con le radici ho usato tre bastoncini. La tengo al riparo dalla pioggia per almeno un mese, poi inizierò ad annaffiare con parsimonia.

Durante la sua stasi vegetativa, il suo Collezionista se n’è andato. L’aveva lasciata ben pulita ad asciugare, e questo è il risultato delle sue cure 🙂  sono certa che ovunque sia ne è  felice.

questa pianta naturalmente non è in vendita ma trovate tanto altro sul nostro catalogo, qui:  http://www.castellarocactus.com/

Piante grasse: quello che rimane (quando andiamo via)

Piante grasse ovunque, bellissime, ordinate, curate, amate

piante grasse stupende, collocate nello spazio con l’esposizione più giusta, nel terriccio più adatto a loro. Ecco che cosa rimane delle nostre collezioni quando è ora di andare via.

solo nelle vecchie collezioni si possono vedere piante con decine di teste


Un grande collezionista se n’è andato poche settimane fa, all’improvviso, senza rumore… come era nella sua indole. Ecco dunque come si fa, semplicemente si lasciano i sacchi del terriccio aperti, la paletta dentro il secchio della lava,  i vasi puliti bene impilati per misura, in ordine crescente. Le etichette  pronte per essere scritte,  il setaccio pieno di corteccia  da calibrare.

questa pianta è stata spostata in primavera e autunno per almeno  30 anni

Un grande privilegio

Ho avuto il grande privilegio di prendere in consegna queste piante. In un primo momento ho pensato che avrei scelto gli esemplari da tenere e quelli da vendere, ho creduto che fossero “solo piante”,  in fondo me ne passano per le mani migliaia ogni anno e sono il mio lavoro, oltre che la mia passione.

Conoscevo e ammiravo questa collezione da ventidue anni, da tanto ci conoscevamo, ne avevo seguito la crescita di stazza e di numero, tra una mostra e l’altra, tra una deliziosa cena e l’altra, l’uscita in primavera e il ricovero autunnale.

Ci conoscemmo nel 1996, Lui e la moglie organizzarono una mostra e contattarono i collezionisti della zona per fare gruppo. Da allora le piante hanno scandito il nostro tempo e sono state il filo conduttore della nostra amicizia. Per Lui erano una priorità. Non era uomo di tante parole, anzi, a volte dava l’impressione di considerarle inutili, credo esprimesse i suoi pensieri nelle cose che faceva più che verbalmente. Interrompeva  un attimo il suo lavoro per un saluto e poi a parlare eravamo  io e sua moglie ormai diventate carissime amiche.

Questa volta non c’è stato il tempo per salutarsi ma ho letto tante cose nelle sue piante. La precisione e la cura hanno parlato tanto. C’erano sostegni inventati sul bisogno di ogni forma bizzarra, c’era un posto preciso per ognuna di loro e la volontà di lasciare le intruse nate per caso a incastrarsi come in natura.

questi semi di Astrophytum sono “caduti” sotto un Cephalocereus e sono stati lasciati lì…perché così è in natura

Decisione inevitabile

Toccandole ho pensato molto a quello che sarà della mia collezione e a quello che vorrei che fosse.

Ho deciso di non venderle, saranno piante madri o semplicemente “le piante di Alide” perché la collezione non si disperda, è stata troppo amata per fare una cosa del genere.

Solo dopo aver preso questa decisione la malinconia si è affievolita, il magone si è sciolto  e sono riuscita a guardarle senza tristezza, per quella grande meraviglia che sono.

Forse non c’era nemmeno bisogno di salutarsi, tanto poi ci si ritroverà in un’altra stagione,  e si riprenderà quel  discorso lasciato in sospeso: qual’è la percentuale giusta di torba per le asclepiadaceae?…e per i cactus invece?

 

Piante grasse a Parma: stupido titolo per riflessioni utili

Piante grasse a Parma: uno stupido titolo per dire cose importanti.

Una cliente mi ha fatto notare una cosa che non sapevo: digitando nomi di piante grasse,  si ha una buona  possibilità di imbattersi nell’azienda agricola Castellaro online, per chi invece trovandosi in zona, desiderasse VEDERE le piante grasse, digitando “serre di piante grasse a Parma”, la nostra azienda non esiste. Siamo dunque solo virtuali?

eccoci qui, esistiamo davvero

la serra di giorno
la serra di giorno

Siamo in campagna, difficile passare davanti al cartellone. Dalla provinciale la serra non si vede, se non ci dà una mano il motore di ricerca, dicendo che in provincia di  Parma esistiamo anche noi,  rischiamo di diventare “solo” venditori online. Non che sia cosa disdicevole, ma anche incontrare i clienti “di persona” è piacevole, siamo emiliani,  vorremmo anche gesticolare un po’ per descrivere le nostre piante.

la serra di notte, sentieri romantici
la serra di notte, sentieri romantici

Questo titolo campanilistico serve per fare amicizia con google, (in realtà per intortarlo) perché ci tiri  fuori, come un coniglio dal cappello , quando qualcuno cercherà  un posto speciale, grasso e spinoso, in provincia di Parma.

Serve per dire che ci siamo anche noi, e  che è bello conoscervi di persona, ciaccolare di verde con passione, scambiarsi le esperienze di coltivazione. Per chi è lontano non c’è altro mezzo che l’invio, ma ci fa piacere conoscere  chi è vicino.

eccoci, non solo online
eccoci, non solo online

VI ASPETTIAMO!

NATURALMENTE NON C’E’ OBBLIGO DI ACQUISTO

Se hai qualcosa da insegnarci o da chiederci lascia un messaggio, la nostra curiosità è infinita e la nostra esperienza è a tua disposizione!

Se ti interessano i miei articoli iscriviti al blog e sarai informato via mail di ogni nuova uscita. Ricorda che ogni condivisione mi darà visibilità e nuovo entusiasmo.

Via Castellaro 45 Bannone
Traversetolo Parma
cel.347 4121367 mail: castellarocactus@libero.it
orari di negozio o su appuntamento, aperto la domenica e chiuso il lunedì http://www.castellarocactus.com/catalogo/

aria di primavera a gennaio: in serra naturalmente!

Aria di primavera  a gennaio: in serra naturalmente!

si arriva in serra con giacca a vento e sciarpetta, si entra e il calore ci investe con tutta la sua allegria. Sarebbe bellissimo poterci lavorare tutto il giorno: mani nella terra e testa qua o là. In questo periodo invece sto dedicando molto tempo al computer, vista la frequenza degli articoli sul blog non si direbbe vero? Mi sono intestardita nel voler rifare il catalogo da mettere online, dopo che quello del sito si è “svampato”. Col virtuale è così, le cose scompaiono senza neanche fare pufff.

Come dicevo, sto facendo il nuovo catalogo. Per niente facile per me che ho iniziato la mia carriera scolastica facendo le aste (qualcuno se lo ricorda l’impegno per farle dritte?) e sono andata…poco oltre. Però  mie conoscenze informatiche stanno migliorando e ne sono molto fiera, penso che imparare qualcosa ogni giorno, in qualsiasi campo, sia  un buon obiettivo per tutta la vita.

Lavori in corso

In serra ci sono chiari accenni di vegetazione primaverile e energia vivacissima. I semenzai sono  turgidi, e portano già una piccola vena di verde nuovo sugli apici.

semenzaio di Gibbaeum pilosulum
semenzaio di Gibbaeum pilosulum

 

le Kalanchoe sono in boccio o in fiore,  le hoya segnalano la ripresa vegetativa avvizzendo leggermente le foglie per dire: ho sete!!!

Questa “buona ripresa” per qualche pianta o famiglia di piante, va aiutata con l’operazione indispensabile del rinvaso, oppure basta una sistematina.

Alle haworthia per esempio, l’aria di primavera comporta il bisogno di essere pulite dalle vecchie foglie. In natura seccherebbero o marcirebbero producendo humus per la pianta. In vivaio la foglia gialla conferisce l’aspetto trascurato o malato che disincentiva all’acquisto. Per questo motivo, dopo la pulitura procederemo alla concimazione, a mo’ di scuse per la privazione dell’humus naturale.

 

Haworthia con foglie basali gialle
Haworthia con foglie basali gialle

A qualcuno invece servirà proprio cambiare terriccio e dimensione del vaso, ne abbiamo parlato qui:

http://millaboschi.com/365-2/

Lavori in corso dunque, come tutto l’anno. In questo periodo cerco anche di visitare qualche garden per non perdere il polso della situazione, a volte dimentico che c’è un mondo fuori da questo cortile 🙂 🙂 .

Sarei tentata di raccontarvi quello che trovo in giro ma sarei di parte e per ora mi astengo.

creazioni natalizie semplici,naturalmente con piante grasse

creazioni natalizie con piante grasse: belle piante e qualche idea carina per graziosissimi regali

non è necessario spendere tanto per creazioni natalizie destinate a doni originali e graziosi, o alla decorazione della casa.   Molto meglio “creare” i nostri regali che comprarli al super, anche per principio. Ciò che si ricicla e ciò che si “crea” pensando alla persona che riceverà il regalo, darà un valore aggiunto al risultato finale.

Quest’anno ho pensato al riciclo di cose di cucina, vecchie scatole da biscotti, (amo in modo particolare quelle con qualche chiazza di ruggine in ordine sparso) qualche lattierina e vassoietti dismessi.

latta e ruggine con preziosa Sansevieria masoniana victoria
latta e ruggine con preziosa Sansevieria masoniana victoria
vecchie scatole con fascino retrò
vecchie scatole con fascino retrò

Anche le masserizie sbrecciate hanno un loro fascino

lattierina
lattierina

…e le scatole da fagioli o conserve fanno molto Messico e diventano creazioni natalizie

barattoli da fagioli
barattoli da fagioli

 

vasetti
vasetti da cucina

 

utile anche il riciclaggio di cose che ci hanno stancato o con colori che non si sposano più col nostro umore

biscottiera di recupero
biscottiera

Quasi tutto si ricicla,l’unica cosa a cui non sono ancora riuscita ad affezionarmi sono i secchi di plastica,  che in Messico per esempio, sono molto usati per la decorazione di giardini e davanzali, ma  ci sto lavorando. Quando avrò realizzato che non tornerò mai più in Messico, forse riempirò i miei balconi di secchi bianchi, quelli da tempera, con piante grasse, piante aromatiche e peperoncini piccanti. Non sembra  meraviglioso tutto ciò che abbiamo perso?

l’angolo alternativo

Dopo settimane (sembrano mesi) di martellanti, insulse, scemissime pubblicità di profumi, suggerisco di passare ai balocchi. Fanno Natale, costano meno e si possono apprezzare senza strapparsi i vestiti di dosso (che in questa stagione sarà evocatorio ma anche deleterio per la bolletta del riscaldamento).

Passato Natale i balocchi staranno benissimo appesi ai bastoni delle tende, sono leggerissimi e decorativi tutto l’anno. Le piante apprezzeranno la posizione luminosa e ci daranno grandi soddisfazioni.  Basterà togliere i nastrini rossi che già l’otto gennaio saranno insopportabili.

 

balocchibalocchi

Se hai qualcosa da insegnarci o da chiederci lascia un messaggio, la nostra curiosità è infinita e la nostra esperienza è a tua disposizione!

Se ti interessano i miei articoli iscriviti al blog, e sarai informato via mail di ogni nuova uscita. Ricorda che ogni condivisione mi darà visibilità e nuovo entusiasmo.

queste e altre idee sono in vendita nella nostra serra

 

 

 

 

 

 

Profumi e puzze delle piante grasse: raccontiamoli col naso

Profumi e puzze: proviamo a raccontare l’esperienza olfattiva  in serra.

Le amo, sono meravigliose, simpatiche, resistenti e resilienti, ok, però non tutte sono profumate fino alla commozione, alcune puzzano proprio tanto.

Non possiamo dire di conoscerle se non le abbiamo mai annusate.

E’ finita la stagione delle superbe fioriture di echinopsis, profumate o inodori a seconda delle varietà.

 

Echinopsis, questo ibrido ha profumo intensissimo di DOLCE
Echinopsis, questo ibrido ha profumo intensissimo di… DOLCE

Finite le notti profumate di vaniglia dalle grandi corolle di Hylocereus

Hylocereus calcaratus, profumo inebriante di vaniglia che dovrebbe attirare i pipistrelli ma da noi attira falene
Hylocereus calcaratus, profumo inebriante di vaniglia che dovrebbe attirare i pipistrelli impollinatori ma da noi attira grandi falene

A novembre basta socchiudere la porta per restare sorpresi dalla zaffata di Crassula marnieriana in fiore.

Caprone di montagna sudato! Solo questo mi viene in mente per descrivere il sentire di questi fiori, piccoli, graziosi, sobri e… caprini!

Crassula marnieriana, odore pestilenziale di caprone
Crassula marnieriana, odore pestilenziale di caprone

La Crassula namaquensis invece ha un lievissimo profumo di limone

Crassula namaquensis, lieve profumo di limone
Crassula namaquensis, lieve profumo di limone

Le asclepiadecee da giugno in poi simulano putrefazioni invitanti per i mosconi, ma non per il nostro naso. Basta un piccolo piaranthus di 2 cm di diametro per simulare una carogna nascosta tra le piante. I mosconi arrivano a frotte, completamente inebriati e depongono le uova in quello che credono un buon alimento per i piccoli che nasceranno. Trattandosi di mosconi da carne può anche fare un po’ schifo, ma bisogna ammettere che al moscone non manca l’istinto della cura parentale e nemmeno all’asclepiadacea, che si garantisce semi per perpetuare la specie.

Stapelia gigantea, puzza di carogna
Stapelia gigantea, puzza di carogna

Oltre a questi fiori profumati o puzzolenti per attirare impollinatori, ci sono piante che odorano apparentemente senza  scopo, solo per il piacere di dare.

Mai annusata una Crassula elegans?  Non il fiore, il corpo!  Profuma di liquirizia, tanto da far venire l’acquolina.

Crassula elegans, profumo di liquirizia
Crassula elegans, profumo di liquirizia

L’aeonium velours invece profuma come una casa invasa dalla malinconia di voci perdute, un profumo buono, di qualcosa che è stato.

Aeonium velour, profumo di malinconia
Aeonium velour, profumo di malinconia

Non limitiamoci a guardare le piante, annusiamole anche, magari a occhi chiusi!

Ci stupiranno con profumi e puzze, ma sicuramente anche con sensazioni inaspettate.

Stapelia gigantea: fioritura gigante tra le asclepiadacee

Stapelia gigantea, il fiore misura da 29 a 39 centimetri di diametro da punta a punta.

In quanto persona “media” detesto elogiare il fiore più grande, il più piccolo, il più vecchio, il più caro… il più o il meno, in generale. Evviva la normalità, il regolare e il non appariscente, però di lei che dire?

 

Stapelia gigantea le misure!
Stapelia gigantea le misure!

 

E’ il gigante della famiglia asclepiadacee, quella che fa innamorare anche i più restii all’osservazione attenta. Il fiore certo non passa inosservato e nemmeno i boccioli che sono grossi come uova d’oca. Fioritura a tardo autunno, che dura circa un mese. Quanto siamo distratti dai lavori di ricovero delle piante, eccola là, si sporge dalla mensola, oltre la vasca di coltivazione e si apre all’ultimo sole.

Stapelia gigantea fiori e boccioli
Stapelia gigantea fiori e boccioli

Puzza poco per la sua dimensione, ci sono asclepiadee di un centimetro di diametro che “si sentono” molto di più, ma i mosconi arrivano a frotte, significa che  puzza abbastanza per lo scopo. Sono loro a impollinarla, mai vista un’ape che amasse la puzza di carogna o una farfalla coraggiosa. Solo mosconi da carne. Quelli verdastri che fanno anche un po’ schifo nella loro cangiante bellezza. Schifo per il ruolo, mica per altro.

Stapelia gigantea è un’asclepiadacea sudafricana. Il corpo della pianta è alto un massimo di 20 centimetri, a sezione quadrangolare, portamento eretto e crescita strisciante, abbastanza insignificante quando priva di fiori.

Ama terriccio ben drenante, posizione a mezz’ombra e non disdegna qualche concimazione. Poco azoto come per tutte le grasse. Se presi da smanie di rapida crescita esageriamo con l’azoto, lei non fiorirà, produrrà solo nuovi corpi. Ho provato a coltivarla al sole e all’ombra, per sperimentare quale esposizione producesse le fioriture migliori. In pieno sole diventa rosso scuro e si ustiona, all’ombra non riesce a fiorire. Il sole del mattino mi sembra la soluzione migliore.

Come si riproduce?

dopo la fioritura si formano grossi baccelli pieni di semi piumati (come quelli del tarassaco, i cosiddetti soffioni). Occorre tenerli d’occhio perché all’apertura il vento li disperderà in pochi minuti. Si fanno trasportare attaccati al loro ombrellino volante per conquistare altre terre, decine di Mary Poppins all’avventura. Noi seminiamo a marzo-aprile, quando le giornate si allungano ma anche durante l’estate. Crescono in fretta e fioriscono già il secondo anno. Per accelerare i tempi si possono riprodurre per talea, da marzo a settembre.

In serra abbiamo due piante madri, provenienti da due vivai diversi. Sono simili ma non uguali. Come si vede dalle foto, l’ultima, quella col bellissimo micio arancione, è diversa. le punte dei petali sono leggermente più scure, e più scuri i disegni sul fiore.

Che cosa temono? solo tre cose

  • il gelo
  • la botrite
  • la cocciniglia

Da noi passano l’inverno a 6° senza problemi. Occorre controllarle spesso e, in caso di cocciniglia, pulirle bene con un pennello o fare trattamenti adatti. (Sapone di marsiglia diluito in acqua, macerato d’aglio oppure insetticidi chimici).  La botrite si previene utilizzando terriccio drenante, annaffiature adeguate e soprattutto coltivandole in luoghi ben arieggiati.

Stapelia gigantea un bel ricordo. L'attimo prima di saltare in brac
Stapelia gigantea e un bel ricordo. L’attimo prima di saltare in braccio!!!

abbiamo in vendita in serra e online piante figlie di quelle fotografate. Meglio su ordinazione.

trovate qui il nostro catalogo:

http://www.castellarocactus.com/