Aeonium tabulaeforme: mandala vegetale

Aeonium tabulaeforme cattura lo sguardo e lo tiene impigliato nel suo mandala perfetto di foglie sovrapposte. Impossibile guardarlo di sfuggita.

Completa la perfezione del disegno il contorno di peletti di ogni foglia, perfettamente a scalare, fino a un centro che promette altri giri di mandala altrettanto perfetti, in futuro. Si allarga, piatto e preciso fino a un diametro di circa 50 centimetri, rompe la propria perfezione per fiorire e andare a seme e poi muore. Come un vero e proprio mandala sparisce lasciando al suolo molti semi che ricomporranno il disegno all’infinito.


E’ pianta di semplice coltivazione, Crassulacea, bisognosa di terreno ben drenato, ombra, temperatura invernale minima 5°. Non necessita di grandi vasi, l’ho sempre vista con stelo unico, alto pochi centimetri, non ramificato.
Come tutte le piante monocarpiche lascia un poco di amaro in bocca, si è tentati di tagliare il fiore al primo accenno di crescita per allungargli la vita. Fiorisce una sola volta,  poi muore, ma credo che vedere il ciclo vitale completo della pianta sia un’esperienza irrinunciabile, come imparare a lasciare andare le cose e le persone.
Di gran moda, in questo periodo, i mandala da colorare. Sono un surrogato “rapido” del mandala da disegnare e poi dipingere, noi abbiamo fretta.
I monaci buddisti e induisti, che fretta non ne hanno, disegnano i contorni  con sabbia colorata, poi riempiono le caselle con lentezza e precisione. Un lavoro che può richiedere giorni, a seconda del disegno.  Una cerimonia di capacità e pazienza che li aiuta a distaccarsi dal samsara, cioè dalle preoccupazioni della vita terrena,  poi…la distruzione, la sabbia viene mescolata, raccolta e restituita al fiume, a simboleggiare la provvisorietà della vita stessa. Le caselle del mandala, come i nostri pensieri e le nostre esperienze, riempiono di colore la nostra mente e il nostro cuore durante questa vita. Poi tutto si cancella e tutto ricomincia in un agire infinito.

Aeonium tabulaeforme, mandala vegetale.
Aeonium tabulaeforme, mandala vegetale.

Pubblicato da

millaboschi

Sono Milla, contadina da sempre, floricoltrice da 15 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *