Ceropegia ampliata: la pianta delle lanterne

Ceropegia ampliata, asclepiadacea sudafricana dai curiosi fiori a forma di lanterna o forse di…si insomma, sono un po’ fallici.

Ceropegia ampliata rimane nascosta fra i vasi appesi per tutto l’anno. Senza foglie o, al massimo, con fogliette che sembrano piccole squame, solo sulla nuova crescita, che cadono presto. Diciamo che non possiede caratteristiche che saltino all’occhio, non spine, non colori, niente che catturi lo sguardo. Vive seminascosta crescendo anche qualche metro in una stagione. Scende e cerca di avvilupparsi come se avesse paura del vento. Poi, quando il caldo di agosto è finito…

Ceropegia ampliata
Ceropegia ampliata

Sorpresa!!!

eccole là, le esili liane coperte di fiori, scendono salgono, si intrecciano e si rendono visibili solo quando sono piene di “palloncini” in varie tonalità di verdi pallidi. Quando arriva sul terreno mette radici e striscia rapidissima. Mi da l’impressione di essere proprio strisciante, ricadente solo per necessità, visto che io la coltivo appesa.

I lampioncini fioriscono a decine, leggerissimi. Hanno base rotonda e proseguono a tubo. Hanno 5 lobi saldati all’apice. Non ho ancora capito chi li impollina ma hanno parecchi frutti.

Ceropegia ampliata fiori in boccio
Ceropegia ampliata fiori in boccio

Ceropegia ampliata si riproduce  bene per talea, ma ancora meglio da semina. In questo modo si possono tenere molte piante in un piccolo semenzaio per poi metterle a dimora in primavera. Il problema spazio c’è sempre, dalla foto si vede quanto stiamo stretti.

Siccome mi dimentico di loro, dove sotto i vasi ci sono i bancali con la terra, loro crescono, si appoggiano, radicano e camminano ovunque.

Ceropegia ampliata strisciante
Ceropegia ampliata strisciante

Le coltiviamo all’ombra, in terriccio da succulente:

http://millaboschi.com/terriccio-per-piante-grasse/

concimiamo col pensiero ogni mese, nella realtà invece riusciamo a farlo solo un paio di volte, a primavera.

Abbiamo figlie della pianta citata in questo articolo e moltissime altre, disponibili per la vendita, in serra e online tutto l’anno.

 

Se hai qualcosa da insegnarci o da chiederci lascia un messaggio, la nostra curiosità è infinita e la nostra esperienza è a tua disposizione!

Se ti interessano i miei articoli iscriviti al blog e sarai informato via mail di ogni nuova uscita. Ricorda che ogni condivisione mi darà visibilità e nuovo entusiasmo.

Via Castellaro 45 Bannone
Traversetolo Parma
cel.347 4121367 mail: castellarocactus@libero.it
orari di negozio o su appuntamento chiuso il lunedì

 

Orbea variegata, puzzolentissima asclepiadacea sudafricana


Orbea variegata, asclepiadacea sudafricana che proprio tutti conoscono

qui incontro una nuova difficoltà da blogger (ahha hha h hah  blogger a me?) che non avevo ancora affrontato: parolacce o non parolacce? ma poi: merda è una parolaccia?

Vediamo come evitare di scriverlo strada facendo. Orbea variegata, ex Stapelia variegata, è una pianta di quelle che passano inosservate, fusticini verdi che, anno dopo anno, si stringono nel vaso, in attesa di essere notate e rinvasate. “Fusticini verdi” non è nemmeno esatto, perché a seconda della locazione che ha, potrebbe virare dal verde al rosso paonazzo, lo stesso che hanno i biondi a Riccione il 15 agosto.

Orbea variegata, i fusti in ombra sono verdi e quelli più esposti sono…paonazzi
Orbea variegata, i fusti in ombra sono verdi e quelli più esposti sono…paonazzi

come farsi notare

Tutto l’anno se ne sta lì, buttata tra le altre piante, quasi sempre dietro le altre piante, per questo aspetto sciattino, niente spine, niente foglie, solo qualche protuberanza molle lungo i fusti… poi un giorno, tra luglio e agosto, passando vicini allo scaffale o al muretto delle piante grasse, ecco che penseremo: il gatto del vicino l’ha fatta di nuovo, oppure: chi è morto là sotto?

E’ lei, la regina delle puzzole, ossia l’erba merda, come la definì una maestrina, che mai e poi mai avrei sospettato conoscesse quella parola. Sporge il bocciolo dal bordo del vaso, in sordina che nemmeno te ne accorgi, poi apre i cinque petali tigrati e si appoggia aderente al vaso, come una decorazione di ceramica. Bella soda, con uno spessore di tutto rispetto, mica come certi petali molli che sventolano al minimo colpo d’aria…

Orbea variegata, si lancia fuori e aderisce al vaso.
Orbea variegata, si lancia fuori e aderisce al vaso.

tecniche di riproduzione a imbroglio

Sta lì, immobile anche nella bufera e sprigiona un odore irresistibile per i mosconi, che accorrono a frotte a deporre le loro uova, su un così perfetto…abbaglio! Furba lei! Se attirasse farfalle queste deporrebbero bruchi che la mangerebbero, invece le uova di moscone non posso danneggiarla, non è carne!!! Dopo qualche giorno dalla schiusa, loro muoiono di fame e lei, ben impollinata prepara il frutto.

non è un frutto di Orbea variegata, perché in questo momento non ne ho ma le asclepiadee hanno frutti molto simili
non è un frutto di Orbea variegata, perché in questo momento non ne ho ma le asclepiadee hanno frutti molto simili

naturalmente nemmeno i semi potevano essere semi qualsiasi, questi sono volanti, sono muniti di un gran ciuffo di peli che il vento porta lontano. Se desiderate seminarli occorre monitorare attentamente il baccello, o incappucciarlo con un tulle. Se si apre quando siete distratti è impossibile fermare il volo

Asclepiadacea semi, attaccati al loro aquilone di peli possono viaggiare su un alito di vento
Asclepiadacea semi: attaccati al loro aquilone di peli, possono viaggiare su un alito di vento

so che queste ultime foto sono molto grandi, ma sono così geniali questi escamotage che non possiamo perderceli per una foto troppo piccola!!

Se hai qualcosa da insegnarci o da chiederci lascia un messaggio, la nostra curiosità è infinita e la nostra esperienza è a tua disposizione!

Se ti interessano i miei articoli iscriviti al blog e sarai informato via mail di ogni nuova uscita. Ricorda che ogni condivisione mi darà visibilità e nuovo entusiasmo.

abbiamo talee della pianta citata in questo articolo e moltissime altre, disponibili per la vendita, in serra e online tutto l’anno.

Via Castellaro 45 Bannone
Traversetolo Parma
cel.347 4121367 mail: castellarocactus@libero.it
orari di negozio o su appuntamento,  chiuso il lunedì