Covid,instagram,scoramento e altre quisquilie

non scrivo da mesi! Per scrivere occorre tenere sgombre le strade che portano i pensieri alla mano: non è facile. Dopo tutto il silenzio carico di sirene che ha congelato la voglia di comunicare, sono arrivate la botta d’ansia del lavoro sospeso, la presa di coscienza della fragilità umana e poi il fatalismo del “non ce la faccio”. Alla fine, molti giorni dopo l’immobilità e l’iperattività, è arrivata la voglia di normalità, quella per ora irraggiungibile.

fauna umana

complottisti, negazionisti, studiosi improvvisati, ansiosi e disfattisti, c’è da combattere con tutti per riuscire a lasciarli fuori dalla porta e cercare una versione accettabile da tener buona quando non si sa come fare per arrivare a sera. Quando ho realizzato che ascoltando le notizie non ce la potevo fare, mi sono defilata e ho cercato di cambiare i pensieri, di addomesticarli a camminare piano, li ho tenuti al guinzaglio per poterli contenere nel raggio di un giorno, non più avanti, ma qualcuno sfugge sempre e si va a invischiare in quella brutta gola senza fiato che è il futuro.

flora consolatoria (Covid,instagram,scoramento e quisquilie per tirare avanti)

e le piante? dopo mesi di incuria eccole lì, impegnate a far semi e braccia e nuove radici, come se niente fosse. Forse per loro questo anno è uguale agli altri e sarà solo questione di qualche cocciniglia in più o in meno, o di quel dannato fungo che se non viene un po’ d’aria potrebbe accasarsi nei posti più morbidi.

Instagram

Piano piano si riparte. Io sono ripartita da Instagram. Sembra strano anche a me, ma col giochino che ancora non si sa usare si impegna la mente in qualcosa di nuovo, il che è meglio di molti altri pensieri. I risultati?

sono qui:

https://www.instagram.com/castellarocactus/?hl=it

non so se sono apprezzabili o meno (perché ancora non so quantificare successo o insuccesso in followers), però la condivisione delle foto mi è piaciuta moltissimo e ho realizzato che durante il lockdown questo contatto anche se virtuale è stato consolatorio. Covid, instagram, scoramento e altre quisquilie, cose serissime e cose sceme miscelate per tirare avanti.

Riapertura

abbiamo riaperto la serra, solo su appuntamento, per niente facile ma fattibile. Non è forse tutto riassumibile in un giardinetto zen?

terra, acqua e isole di solitudine

Pubblicato da

millaboschi

Sono Milla, contadina da sempre, floricoltrice da 15 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: